A partire dalle 18:30, la Sala Polifunzionale di Casa EMERGENCY ospita un incontro che, all’indomani della ‘Conferenza per la ricostruzione e lo sviluppo dell’Iraq’, vuole approfondire il tema della ricostruzione dell’Iraq dopo 15 anni di guerra.

Apre l’incontro Lorenzo Cremonesi, inviato del Corriere della Sera. A seguire Sara Manisera, giornalista freelance intervista Michela Paschetto, Medical Division EMERGENCY ed ex Coordinatrice dell’Emergency Hospital di Erbil.

Il 20 marzo 2003, esattamente 15 anni fa, iniziava l’invasione dell’Iraq, che ancora oggi è un Paese dilaniato dalla guerra.
EMERGENCY è lì dal 1995 per fornire cure ai 3 milioni di persone che sono dovute fuggire per cercare rifugio nelle aree più lontane dai combattimenti.

Da gennaio ad agosto 2017, EMERGENCY ha lavorato all’Emergency Hospital di Erbil, per offrire cure chirurgiche alle vittime della guerra di Mosul, una città abitata da 1.5 milioni di persone oltre 800.000 delle quali sono state costrette ad abbandonare le proprie case. 1.412 vittime di guerra ricoverate, 1.749 operazioni chirurgiche effettuate. 1 paziente su 2 era un bambino o una donna. A luglio 2017 Mosul è stata liberata: la maggior parte dei nostri pazienti ha detto di aver perso da 2 a 5 parenti nella battaglia.

Qual è la situazione dopo Mosul? E come si fa a pensare di ricostruire una quotidianità dopo 15 anni di guerra e un conflitto ancora in corso?

Per partecipare all’incontro ‘Iraq: 15 anni di guerra’ è necessario iscriversi mandando una mail all’indirizzo casa@emergency.it.
L’accesso alla sala sarà consentito fino al raggiungimento della capienza massima.

#MilanoDigitalWeek | 15 – 18 marzo 2018
Quattro giorni a porte aperta dedicati alla cultura dell’innovazione. Info e programma www.milanodigitalweek.com