Trai i suoi scopi, EMERGENCY, ha quello di diffondere una cultura di pace.

Quest’obiettivo, noi del gruppo di Catanzaro, ci proponiamo di raggiungerlo utilizzando, oltre le varie attività nelle scuole e all’università, le tecniche tipiche del TEATRO DELL’OPPRESSO.

Il Teatro dell’oppresso (TdO) è un metodo teatrale che attraverso delle attività create da Augusto Boal, ed ispirate alle idee di Paulo Freire e al suo pedagogia degli oppressi, si propone l’obiettivo di fornire strumenti di cambiamento personale, sociale e politico a tutti coloro che si trovino in situazioni di oppressione.

Il laboratorio che proponiamo vuole, attraverso il TdO, far vivere un’esperienza personale ai partecipanti portandoli a riflettere su temi quali la pace ed i diritti umani; ma in un modo del tutto nuovo, dove ci si esprimerà più col linguaggio delle emozioni e del corpo che con le parole. Ad accompagnarci in questo percorso ci sarà l’arte: Picasso, Kubrick, i Pink Floyd ed altri saranno elementi essenziali per arrivare a noi; perché, citando Boal, il teatro è questo: l’arte di vedere noi stessi.

Il laboratorio prevedere circa 10 incontri a cadenza settimanale della durata di 90 minuti.

Vogliamo costruire laboratori di pace.